7 Agosto 2022

Pinot nero 2020 – Elena Walch

Degustazione:

Rosso rubino di particolare brillantezza e media consistenza.

Olfatto complesso e fine, con forte predominanza di sentori primari. Padroneggia la componente fruttata con piccoli frutti rossi, mora di rovo, lampone e ciliegia. Una delicatissima percezione floreale, con una caratteristica viola mammola, viene accompagnata da una speziatura particolarmente accattivante data da sentori di carrubo e da uno sfondo leggermente tostato e alla lunga etereo.

Il sorso è caldo, morbido, abbastanza fresco, particolarmente sapido, dai tannini sottili e delicati. Buona persistenza e intensità, che con un corpo medio e coerente con le aspettative costruisce un sorso elegante ed equilibrato. Per quanto sicuramente la tenuta degli anni è ottimale, giudicherei lo stato evolutivo maturo e ritengo che bevuto in età non esageratamente elevata garantisca il massimo risultato.


ProduttoreElena Walch
DenominazioneAlto Adige DOC
TipologiaRosso
Annata2020
VitignoPinot Nero
Zona di produzioneAlto Adige
VignetiVigneti posti in zone più fresche tra 400m s.l.m. e
600m s.l.m. su suoli calcarei con vene porfiriche esposti verso sudest e sudovest.
VinificazioneLungo contatto con le bucce per un periodo di 10 giorni. Fermentazione a
temperatura controllata in acciaio. Segue la fermentazione malolattica e
l’affinamento.
AffinamentoIn parte in grandi botti di rovere da 22hl e in parte in acciaio.
Gradazione13%
Prezzo medio15 €
AbbinamentoPrimi di terra e secondi non particolarmente strutturati. Formaggi e salumi semi stagionati.


Note:

Elena Walch è un pò come quel ristorante di cui magari non parli tutti i giorni agli amici, ma che di fatto non ti delude mai, una sorta di rifugio sicuro in cui ripararsi ad ogni tempesta.

Certo, Elena Walch offre un paniere infinito di possibilità, tra cui questa magari non è propriamente la più pregiata, ma nel giusto contesto fa la sua egregia figura. Lavorazione come sempre curata in ogni dettaglio e coerente con i desiderata produttivi, eleganza e affidabilità hanno permesso la produzione di una bottiglia dalla versatilità unica, fossi donna la porterei in borsa per non farmi mai trovare impreparato!

Il Pinot nero copre probabilmente gran parte del territorio nazionale, ma il terroir targato Alto Adige ha uno stile fortemente caratteristico che si riconosce lontano un miglio, fresco, elegante, equilibrato con un aplomb inconfondibile. Sembra davvero una sinfonia con nessuna nota fuori posto, provata e riprovata, che ascolti e riascolti, ma che non stanca mai.

L’abbinamento? Un fantastico aperitivo invernale, con salumi e formaggi e l’albero di Natale sullo sfondo! Cin!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.