7 Agosto 2022

Cloudy Bay 2004 – Chardonnay

Una delle cose che più mi piace fare è scoprire quanto piacere alcuni vini possano regalare a distanza di anni, andandoli a ripescare dal dimenticatoio della cantina, magari cercando di percepire le differenze rispetto a un’assaggio della loro “versione più giovane”. Se poi il risultato non è un fallimento, il che ovviamente è tutt’altro che scontato, la goduria è doppia e si entra in un limbo di piacere e soddisfazione da cui non si vorrebbe mai uscire.

La longevità e la struttura dei bianchi neozelandesi non la scopriamo certo oggi, ma aprire una bottiglia di 14 anni e godere di un bouquet tutt’altro che in fin di vita non è cosa da tutti i giorni.

Il vino in degustazione, un fantastico chardonnay della Cantina Cloudy Bay datato 2004, è prodotto nella zona di Marlborough, la terra promessa del’enografia neozelandese, dove ovviamente è imprescindibile un passaggio medio-lungo, per la tipologia, in barrique francesce, in gran parte di nuova fattura, finalizzato a dare un’impronta secca e precisa al prodotto finale.

Già alla vista sembra annunciare la propria forza, con un dorato pieno, cristallino e una consistenza tutt’altro che trascurabile.

L’olfatto è perfettamente integro, risuonano insistenti le note terziarie, vanigliate e burrose con una sfumatura fumè elegante e di grande impatto. E’ ancora ben percepibile un frutto maturo, con note di banana e frutta tropicale e sullo sfondo un agrumato fresco che riporta alla memoria la bevuta del figlio più piccolo della stessa mamma.

Non manca qualche delicata nota erbacea e un accenno minerale a chiudere questo profilo di grande complessità e di ottima finezza, nonostante ben 14 primavere sulle spalle.

Il gusto non tradisce le aspettative, chiaramente c’è un leggero sbilanciamento sulle morbidezze, ma la freschezza non stenta a presentarsi, accompagnata da una buona sapidità che equilibra un sorso decisamente caldo.

La persistenza gusto-olfattiva è interminabile per un vino sicuramente maturo, ma ancora sugli scudi. L’equilibrio non sarà più quello dei tempi migliori, ma l’armonia è piacevole ed in bocca rimangono vive tutte le peculiarità di uno stile, quello neozelandese, che fa dell’opulenza una delle sue maggiori virtù.

Lo abbiamo accostato a un pollo alle mandorle per un incontro internazionale che ci ha resi felici.

Chi lo ha detto che non si può viaggiare? Ad majora amici miei!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.