2 Dicembre 2022

Tancredi – Donnafugata

“Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi”, recitava Alain Delon ne Il Gattopardo, famoso film che Visconti trasse dall’omonimo romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. La frase è di Tancredi Falconieri, uno dei personaggi più importanti e ambigui dell’opera, sicuramente affascinante, capace di rapire i cuori di chiunque, con una grande personalità aristocratica. Nella storia il giovane Tancredi spinto da uno spirito rivoluzionario e dalla voglia di mantenere il proprio profilo sociale, decide di partecipare al movimento garibaldino, diventandone subito elemento apicale.

Quello che Giacomo Rallo, visionario capitano di Donnafugata, ha creato con questo progetto è un vino aristocratico, elegante, raffinato e, sopra ogni cosa, rivoluzionario, in cui il cabernet sauvignon esalta e raffigura in chiave innovativa il re indiscusso di Sicilia, sua maestà Sir Nero D’Avola. D’altronde la volontà dell’azienda è da sempre quella di valorizzare ed innovare la percezione e lo stile del vino siciliano in Italia e nel mondo, grazie all’inarrestabile impegno di Giacomo prima e dei figli Josè e Antonio dopo, ora a capo dell’azienda.

Il Tancredi nasce da uve prodotte dalle vigne della Sicilia Sud Occidentale, presso la Tenuta di Contessa Entellina. Le uve sono rigorosamente raccolte a mano in cassette e accuratamente selezionate direttamente in vigna. La fermentazione viene effettuata in acciaio, con macerazione sulle bucce per 14 giorni a 28-30 gradi. L’affinamento si svolge in barriques di rovere francese per 12-14 mesi e successivamente per almeno 10 mesi in bottiglia, prima dell’immissione sul mercato.

Alla vista il vino trasmette pieno vigore, con un’ottima limpidezza e un colore rosso rubino pienissimo, oltre ovviamente ad una consistenza importante degna della sua struttura.

L’olfatto impressiona per intensità e complessità, con sentori di frutti rossi, amarena e mirtillo, che primeggiano, affiancati da un delicato floreale e una buona speziatura. Interessanti le nuances di tostatura, con percezioni di caffè, liquirizia e cacao amaro che donano incredibile raffinatezza allo spettro olfattivo.

Al gusto si presenta imponente, ma al contempo di straordinaria morbidezza e con una adeguata ed equilibrante freschezza, coadiuvata dalla giusta sapidità. Il tannino è presente e perfettamente integrato nella composizione del sorso, sintomo di maturità e di assoluta integrità, nonostante i 14 anni di vita. Grandissima persistenza e armonia a ottimi livelli.

Per riassumere questa esperienza usiamo uno slogan utilizzato dall’azienda: “Un rosso elegante. Un lusso accessibile“. Noi aggiungiamo che, come da attese, riteniamo sia il perfetto esempio di innovazione a sostegno dell’evoluzione di uno spaccato enologico, quello siciliano, in continua e e meritata crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *